venerdì 21 agosto 2020

Spotify: gli album indie più ascoltati della prima metà del 2020

Il 2020 è un anno strano, probabilmente irripetibile, segnato dal fenomeno Coronavirus che ha inciso sulle nostre vite e ha colpito pesantemente la società, l'economia e molti settori tra cui l'industria musicale. La musica dal vivo e tutto l'indotto che la circonda è stata messa a dura prova, tenuta parzialmente a galla da alcuni coraggiosi festival estivi concentrati nelle aree meridionali del Paese che hanno dovuto ripensare all'organizzazione dei propri eventi compatibilmente con le norme anti-Covid.

Online le cose non sono andate molto meglio: con il lockdown imposto nei mesi strategici di marzo-aprile non abbiamo viaggiato con il consueto accompagnamento musicali e rimanendo a casa siamo stati spesso sopraffatti da un mood nostalgico che ci ha portato ad ascoltare musica che richiamasse momenti passati.

La totale assenza di live e le prospettive incerte hanno costretto molti artisti a rimandare le uscite di album già pronti mentre i dischi usciti durante il lockdown o a estate inoltrata sono stati sicuramente penalizzati. La grande giostra della musica indie sembra si sia fermato all'ultima edizione del Festival di Sanremo che ha visto l'exploit dei Pinguini Tattici Nucleari e la rocambolesca ribalta di Bugo; situazioni che purtroppo non hanno visto convertire live l'enorme potenziale accumulato.

Con Sei tutto l'indie di cui ho bisogno siamo andati ad analizzare gli ascolti Spotify degli album degli artisti facenti parte o provenienti direttamente dal circuito "indie" usciti tra gennaio e luglio 2020, dove album si intende opera formata da almeno 7 tracce. Non sono state prese in considerazione riedizioni o raccolte, come Fuori dall'Hype Ringo Starr dei Pinguini Tattcini Nucleari (edizione arricchita di 5 brani rispetto alla precedente uscita nel 2019) e  Tsunami (forse vi ricorderete di noi per canzoni come) degli Eugenio in Via di Gioia. Di seguito la top ten, dall'ultimo al primo classificato, con i dati aggiornati al 20 agosto 2020 e arrotondati per eccesso.

10. DENTE [DENTE]
Release date: 28 febbraio
Traks: 11
Streams: 2 milioni

Dente



Giuseppe Peveri da Fidenza è uno dei simboli di quella leva cantautorale indipendente esplosa alla fine dei primi anni Duemila. Nel corso degli anni non è riuscito a trasformarsi in "top player" dell'indie italiano ma riesce a raccogliere numeri di tutto rispetto grazie a un cantautorato dalla vena super malinconica. La label indipendente di riferimento è la torinese INRI

9. PRESTO [GENERIC ANIMAL]
Release date: 20 febbraio
Traks: 10
Streams: 2,4 milioni

Generic Animal


Luca Galizia è il grande jolly della scena underground italiana, partito con l'emo dei Leute, esordisce nel 2018 come Generic Animail con un album scritto da Jacopo Lietti dei Fine Before You Came per poi collaborare con diversi producer e membri della trap romana tra i quali Ketama 126. Presto esce per La Tempesta ed è il terzo album in tre anni che conferma la personalissima vena compositiva e interpretativa dell'artista di Castellanza.

8. PLEASE WAIT [MELI]
Release date: 10 gennaio
Traks: 10
Streams: 2,7 milioni

Meli


Debut album del cantautore siciliano Meli, lanciato da Futura Dischi e fattosi notare con il super-singolo "Capofitto". Lacrimoni e ottimi piazzamenti su Spotify.

7. FADI [FADI]
Release date: 31 gennaio
Traks: 10
Streams: 3 milioni

Fadi


Altro esordio: origini nigeriane, voce potentissima abbinata a un cantautorato italiano di impronta nostalgica Thomas O. Fadimiluyi si era già fatto notare in piccole band indie romagnole prima di raggiungere l'apice presentandosi sul palco di Sanremo Giovani con "Due Noi". Fadi è la scommessa del futuro di Picicca.


6. MERCE FUNEBRE [TUTTI FENOMENI]
Release date: 17 gennaio
Traks: 10
Streams: 3,7 milioni

Tutti Fenomeni


Primo tra gli esordi del 2020, Merce Funebre è una celebrazione post-moderna del nichilismo che vede la produzione di Sua Maestà Niccolò Contessa (I Cani) sotto 42 Records. Lanciato in pompa magna ha raccolto tanti estimatori e qualche detrattore. Il 12 marzo avrebbe dovuto esibirsi al Monk (Roma) in una data già sold out, poi è saltato tutto per il virus. Peccato, sarebbe stato interessante palparne la portata "live".

5. SETTEBBELLO [GALEFFI]
Release date: 20 marzo
Traks: 10
Streams: 6,6 milioni

Galeffi


Uscito in periodo complicato con il consueto management di Maciste Dischi, il cantautore romano Galeffi, dopo gli ottimi risultati dell'album d'esordio Scudetto cerca di innovarsi apportando elementi di raffinatezza alla produzione musicale ma mantenendo un mood decisamente "romantico".

4. CRISTIAN BUGATTI [BUGO]
Release date: 7 febbraio
Traks: 9
Streams: 7,1 milioni

Bugo


Veterano della scena indipendente, Bugo da Novara è stato definito in passato il "Beck italiano" per la sua capacità di esplorare differenti stilemi musicali in chiave lo-fi e ironica. Sale alla ribalta del gossip musicale grazie alla clamorosa con Morgan sfociata sul palco di Sanremo. Management della storica Mescal.

3. BANZAI (LATO BLU) [FRAH QUINTALE]
Release date: 26 giugno
Traks: 10
Streams: 17,3 milioni

Frah Quintale


Frah, sotto la guida di Undamento, ha innovato la scena alternativa con un mix di cantautorato e urban e si conferma tra i progetti più apprezzati della scena. Si tratta dell'album più recente tra quelli in classifica, dunque quello che ha raccolto il maggior numero di streams giornalieri nel periodo in esame.

2. MILLENNIUM BUG [PSICOLOGI]
Release date: 11 giugno
Traks: 15
Streams: 18,8 milioni

Piscologi

Nuova e vincente scommessa del management di Bomba Dischi che stavolta esplora un target più adolescenziale e che beneficia di una produzione freschissima a metà tra trap e cantautorato generazionale.

1. CIP! [BRUNORI SAS]
Release date: 10 gennaio
Traks: 11
Streams: 25,8 milioni

Brunori SAS

Altra consacrazione quella di Darione, colonna portante del cantautorato italiano di ultima generazione, in grado di vincere anche il Premio Tenco come miglior album. Il management è Picicca di Matteo Zanobini.

Di seguito un focus sugli esordi della prima metà del 2020.


Nessun commento:

Posta un commento