giovedì 5 febbraio 2015

[MUSICRAISER] Il ritorno dei CSI per raccontare la Resistenza.


Gianni Maroccolo (ex bassista Litfiba, CCCP e CSI e produttore discografico) colpisce ancora: è stato tra i primi in Italia ad intuire le potenzialità del crowdfunding musicale, capace di sfruttare appieno le opportunità offerte dalla piattaforma Musicraiser con due progetti imponenti e molto articolati da un punto di vista multimediale, grazie ai quali è stato capace di raccogliere in totale quasi 50.000 euro coinvolgendo più di 1.000 raisers. I due progetti erano il cofanetto vdb23/nulla è andato perso (2012), insieme al compianto Claudio Rocchi e la riproposizione dello spettacolo teatrale Eneide di Krypton / un nuovo canto (2014) con alcuni membri storici di Litfiba.

I compagni di sfida di Gianni stavolta sono nientemeno che i mitici CSI (Massimo Zamboni, Giorgio Canali e Francesco Magnelli) insieme ad Angela Baraldi al posto di Giovanni Lindo Ferretti, in esilio mistico e volontario. Gli stessi CSI hanno visto andare a buon fine un altro maxiprogetto che prevedeva un box dei loro album in vinile (2013) e gli stessi Zamboni e Baraldi hanno finanziato la promozione di un album insieme.

Lo scopo della campagna dei Post Csi è la produzione di un cofanetto dedicato alla memoria della Resistenza e della guerra civile raccontata attraverso un DVD - “Il nemico - un breviario partigiano” - un CD contenente la colonna sonora del film e un libro collettivo, un Breviario Partigiano. L'obiettivo minimo è 9.000 euro ma ne sono già stati raccolti più di 17.000 euro con un boom ormai tipico delle campagne promosse da Gianni Maroccolo o i CSI.

La colonna sonora originale del film comprende tre canzoni inedite (le prime dopo 18 anni) composte per l'occasione dai musicisti del gruppo CSI assieme alla cantante Angela Baraldi: Il Nemico, Senza Domande, Breviario Partigiano. Alcune canzoni tratte dall'album “Una infinita compressione precede lo scoppio”, di Massimo Zamboni e Angela Baraldi. Alcuni brani live tratti dai concerti “30 anni di Ortodossia” e “Ciò che non deve accadere, accade”.

Le ricompense sono tutte molto ghiotte e all'interno dei pacchetti troviamo oggetti di merchandising (spille, magliette), il libro "L'eco di uno sparo", il DVD, il disco in vari formati, l'intero cofanetto. Con 1.000 euro inoltre si potranno ottenere ben 25 cofanetti il cui ricavato andrà a sostegno di ANPI, associazioni e circoli culturali,

Spetta ai raisers, ovvero al finanziamento dal basso, riportare in vita i CSI e il ricordo della Resistenza; ai raisers l'onore di essere i partigiani dei nostri tempi.