martedì 6 maggio 2014

Le 25 etichette indie più popolari su Facebook

La musica indipendente italiana sta subendo una mutazione negli ultimi anni grazie soprattutto al fiorire delle etichette indipendenti, che pescando e valorizzando artisti in giro per la penisola contribuiscono a creare un vero e proprio movimento musicale che coinvolge anche altri operatori come distributori discografici, agenzie di booking, agenzie di comunicazione specializzate, webzines e locali per le esibizioni dal vivo.

Per etichetta indipendente si intende quella casa di produzione discografica che non fa parte delle galassie delle major internazionali Sony, Universal/Emi e Warner. Spesso le etichette indipendenti si affidano alle major solo per la fase distributiva.

In particolare il riferimento è alla musica "indie", considerata come musica libera, alternativa e fuori da logiche puramente commerciali.

Non tutte le etichette indipendenti possono essere considerate "indie", si pensi alla Sugar di Caterina Caselli che produce autori mainstream come Andrea Bocelli, Elisa e Negramaro o alla Carosello Records che produce ad esempio Emis Killa.

Le alternative alle etichette indipendenti comunque esistono e sono l'autoproduzione o i portali di crowdfunding musicale come Musicraiser.

Dall'analisi del mercato indipendente e "indie" italiano e della popolarità su Facebook emerge dunque la seguente classifica, che tiene conto delle etichette attualmente attive.


#1 MESCAL MUSIC [likes: >117.300]




Etichetta storica di Nizza Monferrato (AT), nata nel 1993 da un'idea di Valerio Soave (attuale boss) e (addirittura) Luciano Ligabue, la Mescal è stata fondamentale nella fase di lancio dell'indipendente italiano degli anni '90, producendo mostri sacri come Afterhours, Bluvertigo, Carmen Consoli, Estra, Cesare Basile, Cristina Donà, La Crus, Marco Parente, Massimo Volume, Modena City Ramblers, Subsonica, Yo Yo Mundi
Negli ultimi anni la Mescal ha intensificato l'attività editoriale piuttosto che quella produttiva e oggi si segnala soprattutto per essere l'etichetta dei Perturbazione.

#2 LA TEMPESTA DISCHI [likes: >38.200]




La Mescal sta agli anni '90 come La Tempesta Dischi sta agli anni duemila. Fondata a Maniago (PN) nel 2000 dal bassista dei Tre Allegri Ragazzi Morti Enrico Molteni, la Tempesta si è fatta propulsore del nuovo movimento indipendente italiano. Basta dare un'occhiata al rooster stellare; oltre ai TARM: Le Luci Della Centrale Elettrica, Il Teatro Degli Orrori, The Zen Circus, Il Pan Del Diavolo, Uochi Toki, Giorgio Canali & Rossofuoco, Massimo Volume, Sick Tamburo, Maria Antonietta, Fine Before You Came, Bachi Da Pietra, Umberto Maria Giardini, Cosmetic, Altro, Mellow Mood.

#3 PIPPOLA MUSIC [likes: >15.400]




Altra etichetta seminale della nuova musica indipendente italiana, nasce nel 2005 a Bagno A Ripoli (FI) per opera di Paolo Favati e Isabella Panero, ha lanciato Dario Brunori prima con i Blume poi con i Brunori SAS. Dei Blume faceva parte anche Matteo Zanobini che si è trasformato nel vero talent scout dell'etichetta toscana. Grazie a lui la Pippola ha prodotto artisti importanti come Dimartino e Jang Senato. Dopo l'abbandono di Brunori e Zanobini, che nel 2011 fondano la Picicca Studio, l'etichetta rinasce nel 2013 sotto la guida di Tommaso Bianchi.

#4 GARRINCHA DISCHI [likes: >7.900]




Etichetta simbolo dell'indie emergente italiano degli ultimi cinque anni, fondata a Medicina (BO) da Matteo Romagnoli, è stata capace di accaparrarsi negli ultimi anni il meglio degli artisti che si facevano conoscere soprattutto grazie a Youtube. Si pensi a Lo Stato Sociale, L'Orso, L'Officina dell Camomilla, La Rappresentante di Lista, Brace, I Camillas, prodotti senza alcun aiuto distributivo da parte della major. Matteo Romagnoli ha fatto della sua etichetta un vero e proprio collettivo, una grande famiglia e oggi ogni giovane band che ama definirsi "indie" aspira a un contratto con Garrincha.

#5 LA FABBRICA ETICHETTA INDIPENDENTE [likes: >7.600]




Etichetta bolognese nata nel 2006 come associazione culturale è molto attiva anche nel settore management ed eventi. Attualmente nel roster spiccano Leitmotiv, Iotatola e Kafka On The Shore.

#6 INRI [likes: >6.700]


etichetta


Altra etichetta del momento, la torinese INRI (Il Nuovo Rumore Italiano) annovera diversi fondatori tra i quali Paolo e Davide "AntiAnti" Pavanello, componenti dei Linea 77. Nel roster si segnalano anche l'astro nascente Levante, Gnut, I Monaci del Surf e band anglofone come The Cyborgs e Foxhound.

#7 TANNEN RECORDS [likes: >4.600]




L'etichetta veronese è specializzata nella pubblicazione di vinili: nuove uscite, ristampe e dischi del passato mai editi in tale formato. Tuttavia interviene come co-produttore per artisti importanti quali Calibro 35, Colle Der Fomento, Massimo Volume, Zeus! e Soviet Soviet.

#8 42 RECORDS [likes: >4.600]




La più importante etichetta indipendente romana è stata fondata nel 2007 da Emiliano Colasanti e Giacomo Fiorenza. Produce artisti capitolini e non e il roster è tra i migliori in circolazione: I Cani, Colapesce, Testaintasca, Cosmo, I Quartieri, Mamavegas e C+C=Maxigross.

#9 LA FAMOSA ETICHETTA TROVAROBATO [likes: >4.400]




Trovarobato è un'associazione culturale bolognese che opera come etichetta discografica, booking, centro di produzioni radiofoniche ed eventi. Nasce dall'esperienza di autoproduzione e autopromozione dei Mariposa. Anche qui roster di tutto rispetto, oltre ai Mariposa: Iosonouncane, Julie's Haircut, King Of The Opera, Simona Gretchen, Honeybird & The Birdies e Dino Fumaretto.

#10 FOOLICA RECORDS [likes: >3.900]




L'etichetta mantovana nasce nel 2008 e ha lanciato Paletti, poi passato alla Sugar, di cui ha mantenuto però il management. Cresciuto in Foolica anche Edipo, mentre attualmente si segnalano i Did e il management degli M+A.

#11 LEAVE MUSIC [likes: >3.500]




Quando si parla della romana Leave Music si parla sostanzialmente di Alessandro Mannarino, uno degli artisti indie più popolari in assoluto.

#12 PICICCA STUDIO [likes: >3.500]



La prima delle etichette meridionali della lista ha sede a Rende (CS) ed è stata fondata nel 2011 da Dario Brunori e Simona Marrazzo dei Brunori SAS con la supervisione artistica di Matteo Zanobini, dopo l'abbandono collettivo di Pippola Music. E' diventata subito un'etichetta di primo piano producendo artisti come Dimartino, Non Voglio Che Clara, I Gatti Mezzi e lanciando Maria Antonietta, poi passata a La Tempesta.


#13 GHOST RECORDS [likes: >3.300]




L'etichetta di Varese ha perso il suo "top player" Dente passato alle major. Tra gli artisti di punta restano comunque Selton, Il Triangolo, Alessandro Grazian e Green Like July.

#14 ALA BIANCA [likes: >3.300]




Etichetta indipendente storica fondata a Modena da Toni Verona, produce una quantità elevatissima di artisti e generi musicali, tra i quali troviamo anche indie come Tete de Bois, Petrina, Bastian Contrario e   A Toys Orchestra (co-produzione).

#15 MARTELABEL [likes: >3.300]



La romana MArteLabel negli ultimi anni si è trasformata in qualcosa di più di una semplice etichetta musicale, spaziando tra produzioni musicali ed eventi. Ha il merito di aver lanciato i Nobraino, poi passati alle major. Oggi il fiore d'occhiello del roster sono i Management del Dolore Post Operatorio, ma molto interessanti anche Underdog e Pietramante.

#16 BLACK CANDY RECORDS [likes: >2.700]



L'etichetta fiorentina compie dieci anni e attualmente nel roster vanta La Notte Dei Lunghi Coltelli, progetto parallelo dello Zen Circus Karim Qqru e gli interessanti anglofoni The Vickers e The Hacienda.

#17 TO LOSE LA TRACK [likes: >2.700]




La scuderia di Luca Benni ha sede a Foligno (PG) ed rappresenta una delle realtà aggregative più importanti dell'emo-core italiano. Top player sono i Gazebo Penguins, ma segnaliamo anche Tiger! Shit! Tiger! Tiger!, Do Nascimiento, senza dimenticare l'esperienza dei Verme.

#18 WOODWORM LABEL [likes: >2.500]



L'etichetta aretina nasce nel 2011 e vanta un roster importante: Fast Animals And Slow Kids, Umberto Maria Giardini, Julie's Haircut e, recentemente, Paolo Benvegnù.

#19 URTOVOX RECORDS [likes: >2.400]*




Fondata nel 1997 in provincia di Firenze da Paolo Naselli Flores è nota soprattutto per aver lanciato A Toys Orchestra, ma nel roster si segnalano anche Alessandro Fiori, Cesare Basile e Mimes of Vine.

*gruppo Facebook, no fan page

#20 VIA AUDIO RECORDS [likes: >2.200]




Etichetta brianzola, si occupa anche di eventi e  si segnala soprattutto per la produzione degli Io?Drama.

#21 MALINTENTI DISCHI [likes: >2.000]




Etichetta di riferimento dell'indie siciliano, si segnala per la produzione dell'astro nascente Nicolò Carnesi a cui si aggiungono nomi molto interessanti come Oratio, Omosumo e Toti Poeta.

#22 DIAVOLETTO NETLABEL [likes: >1.600]




Fermento indie anche in Basilicata grazie a questa etichetta che distribuisce musica esclusivamente via internet.

#23 STOP RECORDS [likes: >1.400]




Etichetta romagnola in ascesa, fondata da Ivan Tonelli, one man band di Urali, vanta uno studio di registrazione tutto suo e nomi di calibro sopratutto con riferimento all'indie anglofono: Girless & the Orphan, Talk To Me e Mary in June.

#24 VICEVERSA RECORDS [likes: >1.100]




Altra realtà siciliana, nasce dall'esperienza in major di Enzo Velotto. Tra gli artisti prodotti: Mapuche e Dead Cat In A Bag.

#25 WALLACE RECORDS [likes: >1.100]




Una serie infinita di produzioni e co-produzioni per l'etichetta lombarda fondata nel 1999 da Mirko Spino. Si segnalano Bologna Violenta e Fuzz Orchestra, ma ci è passata anche gente come Bachi Da Pietra, I Camillas e Zu.