giovedì 20 febbraio 2014

1992 - Drive (R.E.M.)

Drive è la prima traccia di Automatic For The People, uno dei migliori album degli anni '90 nonché l'opera più intimista della band guidata da Michael Stipe, contenente diversi capolavori tra i quali Everybody Hurts, Man Of The Moon e Nightswimming.
Ho ascoltato questo album pochi anni dopo dalla sua uscita, quando avevo appena 14 anni e Drive è una di quelle canzoni che ancora non riesco a smettere di ascoltare. Una canzone capace di fermare ogni volta il tempo.
E' un pezzo in grado di catturare grazie soprattutto alle sue intense proprietà ipnotiche che si manifestano sin dall'intro chitarristico di Peter Buck e si completano con la voce echeggiante di Michael Stipe, con le sue pause e suoni onomatopeici.

Le parole trascinano l'ascoltatore in una dimensione giocosa e nello stesso tempo sognante. Di seguito il testo integrale e il video, uno dei più famosi degli anni '90.

Smack, crack, bushwhacked 
Tie another one to the racks, baby 

(chorus 1) 
Hey kids, rock and roll 
Nobody tells you where to go, baby 

What if I ride? What if you walk? 
What if you rock around the clock? 
Tick-tock, tick-tock 
What if you did? What if you walk? 
What if you tried to get off, baby? 

(chorus 2) 
Hey kids, where are you? 
Nobody tells you what to do, baby 

(chorus 3) 
Hey kids, shake a leg 
Maybe you're crazy in the head, baby 

(chorus 4) 
Maybe you did, maybe you walked 
Maybe you rocked around the clock 
Tick-tock, tick-tock 
Maybe I ride, maybe you walk 
Maybe I drive to get off, baby 

(repeat chorus 3) 

Ollie, ollie 
Ollie, ollie, ollie 
Ollie, ollie in come free, baby 

(repeat chorus 2) 

Smack, crack, shack-a-lack 
Tie another one to your back, baby 

(repeat chorus 1) 

(repeat chorus 4) 

(repeat chorus 2) 

Hey kids, rock and roll 
Nobody tells you where to go, baby, baby, baby